Aggiungi al carrello Coming soon Non disponibile Acquista Vai al carrello Chiudi il carrello Il tuo carrello è vuoto Continua a navigare qui

La colazione con il sorriso: dimagrire e ridurre il colesterolo con l’avena

Postato da Debora Cantarutti il

L’avena fu importata in Italia per la prima volta dai legionari di Giulio Cesare, che durante la loro permanenza in Gallia e Germania notarono il largo uso di questo cereale da parte delle popolazioni locali, anche per la produzione di un pane dotato di proprietà curative.

In Italia fino a pochi anni fa, però, l’avena era destinata prevalentemente all’alimentazione degli animali, mentre in nord Europa viene molto utilizzata per la preparazione di pane, dolci oppure del tipico porridge servito nella colazione degli inglesi. A differenza di altri cereali come frumento e orzo, anche dopo la lavorazione mantiene la crusca e il germe, le parti del chicco in cui si trova la maggior parte delle sostanze nutrienti.

Mangiare fiocchi d’avena a colazione offre numerosi vantaggi per la salute e permette di sfruttare il loro elevato potere saziante, molto utile per mantenere nella norma il peso corporeo o perdere peso. L’avena è uno dei cereali che contiene più proteine (fino al 17%), meno carboidrati e in assoluto più grassi salutari; inoltre ha un basso indice glicemico e un importante contenuto di fibre (intorno all’11%). Il basso indice glicemico la rende adatta al consumo da parte dei diabetici e consente di evitare i picchi d’insulina fornendo energia a lungo termine, grazie alla presenza di fibre. L’avena è indicata anche per persone che hanno difficoltà di digestione, come gli anziani, i convalescenti o chi lamenta problemi come colite o gastrite.

Il porridge, la colazione sana che arriva dall’Inghilterra

L’avena è davvero unica e speciale  grazie al suo contenuto di beta-glucano, una fibra solubile che agisce come una spugna nell’intestino, assorbendo il colesterolo presente negli alimenti. Grazie a questa sua peculiare proprietà, la Food and Drug Administration (ovvero l’ente governativo americano che si occupa della regolamentazione di tutti i prodotti alimentari e farmaceutici), supporta l’utilizzo dell’avena per la riduzione dei valori di colesterolo nel sangue.

Se consumata per colazione come porridge, in presenza di colesterolo elevato è consigliabile associarla a 2 cucchiai di semi di lino macinati. Questa combinazione accresce l’apporto di acidi grassi essenziali omega 3 e di lignani (naturalmente presenti nei semi di lino e dalle note proprietà protettive e anticancro), aiuta ad attirare acqua nell’intestino e ad abbassare il colesterolo dannoso LDL senza influenzare quello buono HDL, grazie alla presenza di oligoelementi regolatori. Recenti studi hanno dimostrato che tale azione è in grado di ridurre il colesterolo dall’8% al 22%. Questi dati sono molto significativi perché a ogni diminuzione dell’1% del livello di colesterolo corrisponde una diminuzione del 2% del rischio di sviluppare malattie a carico del sistema cardiovascolare.

Introdurre l’avena nella propria dieta quotidiana consente di agire favorevolmente anche nei confronti di altre patologie come resistenza all’insulina, sovrappeso, elevati livelli di trigliceridi.

L’avena contiene proteine di alto valore biologico e lisina in quantità nettamente superiori rispetto gli altri cereali: questo la rende nutriente e adatta nelle diete dimagranti perché non solo conferisce senso di sazietà a lungo termine, ma aiuta anche a evitare la formazione di rughe o cedimenti cutanei.

L’avena è un alimento attivo sul sistema nervoso grazie alla presenza di avenina, molecola che favorisce la produzione di serotonina e melatonina, sostanze in grado di regolare i livelli energetici e il tono dell’umore. Per questo motivo è adattissima per le persone depresse o particolarmente sensibili alla carenza di luce durante i mesi invernali. Grazie alla presenza di lecitina e magnesio favorisce il rilassamento muscolare, la produzione di endorfine e il buon sonno. L’avena ha inoltre proprietà diuretiche e lassative (stimola l’intestino pigro), che contribuiscono a renderla una scelta salutare in qualsiasi momento della giornata.

ESTRATTO DI AVENA IN NUTRICOSMETICA

alkemy ES 3.5 è una crema detergente viso dalla texture cremosa a base di proteine vegetali, estratto di avena, olio di argan e microalga Klamath. La sua formulazione la rende un trattamento base idratante unico e indispensabile che deterge in modo delicato e rimuove le impurità e il trucco senza seccare la pelle.

È ideale per le pelli delicate e inclini all’arrossamento, come quelle dei più piccini, e per quelle tendenti all’acne grazie agli omega 3 e omega 6 della microalga Klamath, ai beta-glucani dalle proprietà antiossidanti contenuti nell’estratto di avena e a componenti delicati e non aggressivi come l’olio di argan.

Come usarla: Applicare una noce di prodotto su viso, collo e décolleté con un delicato massaggio.

Ideale per la pulizia di mattino e sera con o senza risciacquo.

 

 

Debora Cantarutti

Divulgatrice scientifica, consulente nutrizionale esperta di nutraceutica e nutrigenomica. Docente per Sapere Academy (Milano) e ricercatrice indipendente Superfoods.  Master in Nutrizione Metodo Molecolare. Ideatrice e responsabile del progetto Scienza&Gusto. Socia del GSA, Giornalisti Specializzati Associati di Milano. 

È membro attivo del progetto Quartieri Tranquilli ideato da Lina Sotis, dove presta attività di consulenza ai cittadini per promuovere il corretto stile di vita in ambito nutrizionale. Relatrice nei showcooking organizzati per Expo 2015 e per la Milano Food Week.



Leggi anche

← Post meno recenti Nuovi post →