Aggiungi al carrello Coming soon Non disponibile Acquista Vai al carrello Chiudi il carrello Il tuo carrello è vuoto Continua a navigare qui

Sai tutto sulla zucca? Ecco le proprietà benefiche che non tutti conoscono

Postato da Debora Cantarutti il

Caratterizzata da polpa solida e pastosa e dal gusto piacevolmente dolciastro, la zucca è uno degli ortaggi più grandi presenti in natura.
Originaria dell’America Centrale e appartenente alla famiglia delle Cucurbitacee, si ritiene che venisse consumata dalle popolazioni dei ceti più poveri del Messico a partire dal 6.000 a.C.. Presente in tutta Italia, la sua coltivazione avviene per lo più nell’area del mantovano e del cremonese, ed è ingrediente base di numerose ricette. Molto diffusa ed apprezzata anche la versione napoletana che, a differenza di quella tipicamente tondeggiante, ha una forma allungata e polpa caratterizzata da un maggiore contenuto d’acqua.

Il colore tipicamente arancione della sua polpa è dovuto all’elevato contenuto di betacarotene, precursore dell’importantissima vitamina A.
Grazie al ricco apporto di vitamine del gruppo B (B1, B2, B3, B5, B6) aiuta a contrastare i tipici disturbi del periodo autunnale, come la stanchezza o la mancanza di energie. Non solo: la vitamina C e la vitamina E di cui è ricca aiutano a ridurre efficacemente lo stress ossidativo e a sostenere il sistema immunitario. La zucca è un ortaggio dotato inoltre di proprietà alcalinizzanti, grazie al suo contenuto di sali minerali come calcio, potassio, fosforo, rame, magnesio, ferro, selenio, manganese e zinco.
Non mancano nemmeno numerosi amminoacidi, tra cui arginina, tirosina, cistina, glicina, metionina, leucina, isoleucina, istidina, serina, valina, treonina, prolina, alanina, fenilalanina, triptofano, acido aspartico e acido glutammico.

La zucca apporta una considerevole quantità di fibra e acqua (circa il 94% in peso, a seconda delle varietà) e per questo è adatta a coloro che soffrono di stitichezza. Secondo uno studio condotto all’Harvard University, inoltre, coloro che seguono una dieta ricca di fibre hanno il 40% di probabilità in meno di sviluppare problemi cardiaci. Se consumata almeno due volte a settimana, la zucca aiuta a prendersi cura della salute degli occhi: i suoi carotenoidi, infatti, servono a prevenire l’insorgenza di patologie a carico dell’apparato visivo come la degenerazione maculare o la cataratta e, in particolare, a contrastare l’azione dannosa dei radicali liberi a livello della macula. I benefici dei carotenoidi non si limitano solo agli occhi, ma si estendono all’intero organismo. Queste sostanze, infatti, sono in grado di svolgere un’efficace azione protettiva a livello di tutto l’apparato circolatorio e di agire da validi agenti antinfiammatori.
Secondo il National Cancer Institute, inoltre, il betacarotene svolgerebbe un ruolo importante nella prevenzione del cancro. Anche il licopene presente nella zucca ha proprietà antitumorali e sembra avere effetti benefici nei confronti del tumore alla prostata, al polmone ed allo stomaco.

La polpa della zucca, seppur di gusto leggermente dolciastro, è adatta anche al consumo da parte delle persone diabetiche: in base ad uno studio condotto in Massachussets nel 2007, la zucca possiede proprietà che contrastano il diabete. Grazie alla presenza di magnesio, può aiutare le persone ansiose, nervose o che soffrono dinsonnia. ll triptofano contenuto nella zucca aiuta il corpo a produrre serotonina che, oltre a migliorare il rilassamento ed il sonno, contribuisce anche a migliorare lumore. Ricca inoltre di potassio, più delle banane, è un alimento ideale per gli sportivi. Il potassio, infatti, aiuta a ripristinare lequilibrio degli elettroliti nel corpo dopo un intenso allenamento ed aiuta la muscolatura a funzionare al meglio.

Anche i semi contenuti al suo interno sono dotati di importanti proprietà nutrizionali: secondo uno studio condotto su modelli animali, l’olio che si ricava dai semi di zucca, ricco in fitoestrogeni, risulta in grado di prevenire lipertensione e di ridurre la pressione alta (sia sistolica che diastolica) in appena 12 settimane. La cucurbitina, principio attivo presente nei semi di zucca, svolge invece una mirata ed efficace attività preventiva nei confronti di numerosi disturbi a carico dell’apparato urinario maschile e femminile.
I semi di zucca possiedono importanti proprietà alcalinizzanti: per tale motivo aiutano a contrastare l’eccessiva acidità di stomaco che, spesso, accompagna il consumo di carne, di cibi ricchi di zuccheri e di farine raffinate. Il consumo dei semi di zucca aiuta a mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue e ad evitare i cali di energia sono utili alle persone anemiche, in quanto ricchi di ferro, e a coloro che hanno tendenza alla perdita di capelli per l’apporto di zinco e di importanti acidi grassi come gli omega 3.

Della zucca si può mangiare davvero tutto, anche la buccia: sembra infatti che questa contenga una sostanza in grado di debellare la candida.

La ricetta di benessere: frittelle di zucca con farina di ceci

500 gr. di zucca
una cipolla
farina di ceci q.b.
un cucchiaino abbondante di curry

Tagliate la zucca a dadini e fatela stufare a fuoco lento con una cipolla affettata e poco olio. Una volta cotta, schiacciatela con una forchetta e aggiungete poco sale, un cucchiaino abbondante di curry e qualche cucchiaio di farina di ceci fino ad ottenere un composto molto denso. A questo punto, potete preparare le frittelle aiutandovi con un cucchiaio e ponendo il preparato in una padella con poco olio. Fatele dorare, senza bruciarle, su entrambi i lati, aiutandovi con una paletta. Servitele calde e accompagnatele con un’abbondante insalata a base di songino.

 

Debora Cantarutti

Divulgatrice scientifica, consulente nutrizionale esperta di nutraceutica e nutrigenomica. Docente per Sapere Academy (Milano) e ricercatrice indipendente Superfoods.  Master in Nutrizione Metodo Molecolare. Ideatrice e responsabile del progetto Scienza&Gusto. Socia del GSA, Giornalisti Specializzati Associati di Milano. 

È membro attivo del progetto Quartieri Tranquilli ideato da Lina Sotis, dove presta attività di consulenza ai cittadini per promuovere il corretto stile di vita in ambito nutrizionale. Relatrice nei showcooking organizzati per Expo 2015 e per la Milano Food Week.

 

Più efficace della zucca: proteggi le zone più delicate del viso con alkemy ES 3.2 

alkemy ES 3.2 serum rinnova e lenisce la pelle di viso e contorno occhi grazie all’alta concentrazione di omega 3, omega 6 e vitamine del gruppo B e all’azione della microalga Klamath unita all’oleolita di calendula.
L’alga rossa, ricca di ficoeritrina, combatte le borse, il classico gonfiore della zona perioculare e le occhiaie; mentre l’euglena gracilis rigenera la pelle aumentandone elasticità e compattezza.

 Componenti principali: microalga Klamath, Red Alga Gel®, olio di jojoba, olio di macadamia, calendula, Chronodyn™ (Euglena gracilis extract), burro di karité.

 



Leggi anche

← Post meno recenti Nuovi post →